News

VINITALY 2018, un’edizione in grande spolvero

La cinquantaduesima edizione del VINITALY 2018 si è conclusa con numeri in continua crescita. Già la precedente aveva dato ottimi risultati che con quest’ultima sono stati confermati e incrementati. Se il numero di visitatori è rimasto grosso modo stabile (oltre 128.000), il dato più interessante è sul numero degli acquirenti che ha avuto un aumento di circa il 6%. Tutto questo è stato ben visibile durante le giornate della fiera (in particolar modo nella giornata di Lunedì 16 Aprile), dove nei padiglioni, negli stand e nei viali che collegano un padiglione ad un altro il via vai di persone era impressionante. Indubbiamente il VINITALY 2018 e l’Italia del vino hanno molto da offrire a livello vitivinicolo, basti pensare alle moltitudini di varietà di vitigni nel nostro paese, fra di cui molte varietà prima venivano trascurate e che oggi stanno riscuotendo un discreto successo.

Gancia al Vinitaly 2018

Gancia al Vinitaly 2018

Ma questo non basta, tant’è vero che nel settore riguardante i vini internazionali, la scelta quest’anno è stata veramente ampia rappresentando i vini di Sudafrica, Argentina, Cile, Paraguay, Brasile, Uruguay, Nuova Zelanda, Australia, Libano.

Fra l’altro il VINITALY 2018 è stato un valido palcoscenico, per diverse anteprime, fra produttori new entry, in primis Michele Placido, con un notevole afflusso di giornalisti, televisioni e di gente, nel suo stand nel padiglione della Puglia, per passare alla presentazione di nuovi vini, da parte di diversi produttori, in particolar modo siciliani, senza dimenticare la premiazione dei vincitori italiani del Corcorso Mondiale della Granache. Questo a testimoniare che ancor oggi, il VINITALY 2018, a livello commerciale, rimane una delle più importanti fiere e non solo a livello nazionale.

A seguire i vari assaggi, fatti nei vari padiglioni delle varie regioni italiane e non solo…

Brut millesimato 2007 - D'Antan

Brut millesimato 2007 – D’Antan

  • Brut millesimato 2007 – D’Antan – 100% Cortese – La Scolca

Un quadro olfattivo, semplicemente fantastico, cera lacca, cuoio, pan di Spagna, croissant, con un finale leggermente floreale. Struttura e grande potenza, freschezza e lunghezza con un equilibrio fra le varie componenti veramente invidiabile.

Barolo - Parafada 2014

Barolo – Parafada 2014

Trama tannica fitta, sapidità da gran vino, asciutto e potente. Bel bilanciamento alcolcico – acido – tannico. I sentori di viola si accompagnano a ricordi di piccoli frutti di bosco e humus. Buona persistenza.

Brunello di Montalcino - Madonna delle Grazie 2013

Brunello di Montalcino – Madonna delle Grazie 2013

  • Brunello di Montalcino – Madonna delle Grazie 2013 – Il Marroneto

Rosso lucente. I profumi sono di grande eleganza, con un nitido sentore di cera lacca, frutta surmatura, ciliegia acerba, con un finale mentolato e di eucalipto. Tannini ancora vivi, acidità che accompagnerà questo vino per anni. Progressione e persistenza buone. La retrolfattiva conferma un uso felice del legno. Un Brunello, veramente con tutti i connotati per essere considerato un gran vino, riuscendo a fornire potenza e piacevolezza, senza mai stancare.

Taurasi riserva 2008

Taurasi riserva 2008

Nel calice si presenta con un rosso rubino intenso. Al naso si sentono note minerali e di pietra focaia, seguite da note terziarie e di pepe, con finale di caffè. Sapido in bocca con chiusura minerale. Persistenza ottima, la progressione non è da meno. Un saggio passaggio in legno che non marca il vino (24 mesi in tonneau). Armonico, con un buon equilibrio fra la componente alcolica, acida e tannica.

Etna Rosso - Martinella 2013

Etna Rosso – Martinella 2013

  • Etna Rosso – Martinella 2013 – Vivera

Rosso lucente scarico. Sentori di humus e frutti di bosco, con un finale  di pietra focaia e pepe. Elegante in bocca, con un bell’equilibrio, sapido e lineare. Buona persistenza. Legno usato sapientemente. Considerato che l’annata 2013 sull’Etna è stata una delle più difficili, è un ottimo Etna Rosso.

Vallée de la Beka - Liban - Domaine des Tourelles

Vallée de la Beka – Liban – Domaine des Tourelles

  • Vallée de la Beka – Liban – Domaine des Tourelles – Viogner, Chardonnay, Obeldi, Moscato d’Alessandria – LIBANO

Giallo scarico. Profumi delicati e nitidi, agrumati, floreali e di frutta candita. Fresco, elegante e lineare. Finale di pesca. Persistenza media.

Torrontes - Don David Reserve 2016 - Elesteco

Torrontes – Don David Reserve 2016 – Elesteco

  • Torrontes – Don David Reserve 2016 – Elesteco – ARGENTINA

Profumi accattivanti, dall’agrumato (pompelmo), al floreale, con un leggero sentore di erba secca. Al palato riesce a confermare quanto sentito al naso, con la freschezza e la pienezza dei sentori fruttati e floreali. Armonico all’assaggio. Persistenza notevole e progressione buona.

Etna Rosato - Ariel 2017

Etna Rosato – Ariel 2017

Rosa intenso. Pieno e ricco con profumi di uva sultanina e di erbaceo, con un finale di pepe rosa. Grande potenza e robustezza, controbilanciate da una bella freschezza. Un rosato che ha avuto al Vinitaly, la sua degna anteprima.

Sicilia D. O. C. - Grillo 2017

Sicilia D. O. C. – Grillo 2017

Altra new entry, che ha avuto il suo palcoscenico al Vinitaly. Potenzialità enormi per questo vino che è stato imbottigliato da qualche settimana. Avvicinando il calice al naso si sentono chiaramente la foglia di pomodoro e la nota agrumata (bergamotto), il tutto accompagnato da un sentore salmastro. Armonico al palato, con una bella freschezza e una sapidità che si fa sentire.

 

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

PER INFORMAZIONI PUBBLICITARIE CONTATTARE LA REDAZIONE
To Top