News

Se n’è andato Vito Catania. AdDIO Mr. Gulfi.

Quando si va a fare una visita in cantina si descrivono i luoghi, oltre a recensire i vini che vengono prodotti, ed è sempre una cosa piacevole per chi scrive e possibilmente per chi la legge. Allo stesso tempo ci si sofferma in alcune righe dell’articolo sul produttore, colui che ha quella determinata passione e forza di volontà per portare avanti le proprie idee ed i propri progetti. Poiché l’input viene dalla persona e solo dopo si instaura una collaborazione fra uomo e natura. Oggi è rimasto il ricordo di un uomo che materialmente è dovuto andar via, ma le sue idee rimarranno e proseguiranno con i suoi figli e la propria azienda.

Quando ho incontrato Vito Catania durante il Vinitaly 2016, presso lo stand di Gulfi, ho impressa l’immagine di un uomo con un sorriso fanciullesco e uno sguardo attento e sincero. Durante la conversazione avuta con me ed altri amici, oltre a descriverci i prodotti ed a raccontarci esperienze della sua vita ci ascoltò attentamente dimostrando enorme cortesia. Da questo ricordo rimane ancor più avvalorata la sensazione di un uomo capace e determnato, perché bisogna essere determinati e tenaci per produrre un Nero d’Avola di alto profilo e continuare a far brillare una luce su questo vino anche in momenti che non lo vedono più in auge come avveniva un paio d’anni fa. Era necessario avere coraggio per scommettere sul Pinot noir coltivato sull’Etna, visto e considerato che l’azienda Gulfi fu fra le prime a coltivare il vitigno transalpino sul vulcano ed a produrne il vino. Il condividere questo progetto con il suo enologo Salvo Foti, come in passato hanno fatto con tanti altri vini prodotti dall’azienda, mostrano un duo che ha saputo realizzare dei sogni, utilizzando al meglio quello che la Sicilia può dare.

Così come per una buona bottiglia di vino, che prima la si assaggia, poi la si valuta e alla fine se il vino ha eccellenti requisiti, ci si ritrova con la bottiglia vuota senza accorgersene, come è accaduto oggi per Vito Catania.

Fabio Cristaldi

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

PER INFORMAZIONI PUBBLICITARIE CONTATTARE LA REDAZIONE
To Top