News

Sangiovese Purosangue a Siena: i nostri migliori assaggi

Il vitigno a bacca rossa più diffuso in Italia (il Sangiovese) trova ormai da qualche anno la sua celebrazione in un evento organizzato da Davide Bonucci e dall’EnoClub di cui Davide è presidente a Siena.

Per la prima volta Sangiovese Purosangue, questo il nome dell’evento,  si svolgerà nel Palazzo Comunale di Siena.

La stampa nella giornata di ieri ha potuto partecipare ad una degustazione in anteprima con servizio al tavolo di oltre 240 vini provenienti da Toscana, Romagna, Umbria e Lazio (presente con una sola azienda), di cui venti dedicati ad una retrospettiva dell’annata 2008 (questi ultimi per la verità, con qualche eccezione, non li abbiamo trovati affatto in forma)

Vinodabere (nelle persone di Antonio Dolfi e Maurizio Valeriani) era presente ed ha degustato per voi circa 180 dei 240 vini.

Siamo in grado quindi di fornire l’elenco dei nostri migliori assaggi in modo da dare qualche riferimento a chi parteciperà alle degustazioni a banchi d’assaggio previste da oggi fino al 5 novembre.

Ecco i vini che ci hanno maggiormente colpito:

97/100

Brunello di Montalcino 2013 – Il Marroneto: miglior assaggio della giornata. Elegante, austero ma concessivo allo stesso tempo con note che spaziano dall’agrume alla frutta secca, dalla spezia alla macchia mediterranea. Complesso ed elegante, chiude con una belissima scia succosa e sapido-iodata.

96/100

Brunello di Montalcino Madonna delle Grazie 2013 –Il Marroneto: a solo una lunghezza dal precedente, gioca le sue carte su toni fruttati ed agrumati, non trascurando le classiche note speziate e floreali. Materia e finezza completano il ricco quadro organolettico.

Chianti Classico Riserva Il Poggio 2013 – Castello di Monsanto: Laura Bianchi sembra non sbagliare un colpo da anni con questa prestigiosa etichetta. In evidenza struttura e pienezza del sorso, seguite da complessità ed una bellissima lunghezza gustativa su note floreali e fruttate.

Poggio ai Chiari 2009 – Colle Santa Mustiola: per pochi chilometri fuori dalla denominazione del Vino Nobile di Montepulciano. Siamo in quel di Chiusi, dove Fabio Cenni ha lasciato al sua professione di medico per dedicarsi alla vigna con risultati straordinari. Ed è un peccato che la comunicazione enoica celebri così poco questo vino, che è da diversi anni uno dei più grandi vini italiani. Succoso, speziato, ricco, dal sorso pieno, dinamico, progressivo e piacevolmente sapido, chiude con un piacevolissimo finale di macchia mediterranea.

Brunello di Montalcino Vigna Soccorso 2013Tiezzi: Enzo Tiezzi è considerato uno dei padri fondatori del disciplinare del Brunello di Montalcino.Il Vigna Soccorso 2013 è particolarmente convincente con note succose e speziate che si coniugano a sapidità e profondità di beva.

Chianti Classico Riserva 2014 – Il Palagio di Panzano: un esempio di come qualcuno sia riuscito a produrre grandi vini anche nella difficile annata 2014. Sentori di rosmarino ed erbe officinali si uniscono a toni speziati ed agrumati ed anticipano materia e lunghezza gustativa.

Chianti Classico 2015 – Podere Castellinuzza: passiamo a Greve in Chianti, dove spesso l’eleganza prevale sulla potenza, come nel caso di questo vino che fa della freschezza e della bevibilità i suoi punti di forza, senza rinunciare a struttura e persistenza.

Brunello di Montalcino 2008 – Sanlorenzo: uno dei pochi vini della retrospettiva ad essere veramente convincente con tensione gustativa, note fruttate e agrumate ed un lungo finale sapido – iodato.

Pergole Torte 2015 – Montevertine: Martino Manetti continua a produrre questo straordinario vino in maniera sempre eccellente: succoso, speziato, con sentori agrumati e floreali, sorprende per un tannino che rasenta la perfezione qualitativa.

95/100

Chianti Classico Filetta di Lamole 2015 – Fontodi: mineralità e tratti austeri per un Chianti Classico giocato su eleganza, freschezza e tannino vellutato.

Chianti Classico 2015 – Fontodi: altro ottimo vino in casa Fontodi, che però mette in risalto struttura e toni fruttati e speziati.

Per non appesantire la lettura vi forniamo tutti gli altri nostri migliori assaggi over 90 (da 94 in giù fino a 91) senza la descrizione dei vini:

94/100

Brunello di Montalcino 2013 – Corte dei Venti

Brunello di Montalcino 2013 – Pietroso

Rosso di Montalcino 2016 – Sanlorenzo

Brunello di Montalcino 2008 – Il Marroneto

Faber 2010 – Miscianello

Romagna Sangiovese Predappio Chiara Condello – Chiara Condello

Chianti Classico Riserva Vigna Barbischio 2015 – Maurizio Alongi

Romagna Sangiovese Predappio 2017 – Noelia Ricci

Brunello di Montalcino Selezione Zebras 2013 – Villa I Cipressi

93/100

Brunello di Montalcino Riserva 2012 – Fattoi

Brunello di Montalcino Riserva 2012 – Fattoria dei Barbi

Chianti Classico Riserva 2015 – Badia a Coltilbuono

Chianti Classico 2016 – Pomona

Flaccianello 2015 – Fontodi

Fabrizio Bianchi Sangioveto 2012 – Castello di Monsanto

Chianti Classico Riserva 2015 – Castello di Volpaia

Rosso di Montalcino 2015 – Le Ragnaie

Brunello di Montalcino 2008 – Fattoi

92/100

Rosso di Montalcino 2016 – Corte dei Venti        

Rosso di Montalcino 2015 – Il Marroneto

Chianti Classico 2015 – Cantina Ripoli

Brunello di Montalcino 2013 – Le Chiuse

Brunello di Montalcino 2008 – Argiano

91/100

Rosso di Montalcino 2013 – Col d’Orcia

Rosso di Montalcino 2016 – Terre Nere

Montevertine  2015 – Montevertine

Brunello di Montalcino 2011 – Col d’Orcia

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

PER INFORMAZIONI PUBBLICITARIE CONTATTARE LA REDAZIONE
To Top