Toscana

La Verticale di Poggio ai Chiari a Sangiovese Purosangue

Abbiamo già avuto modo di parlare dell’azienda Colle Santa Mustiola su questa testata. Oggi torniamo sull’argomento per raccontarvi di una verticale cui abbiamo partecipato durante l’evento Sangiovese Purosangue, in scena a Siena ad inizio novembre.

Per pochi chilometri la zona rimane fuori dalla denominazione del Vino Nobile di Montepulciano. Siamo in quel di Chiusi, dove Fabio Cenni ha lasciato al sua professione di medico per dedicarsi alla vigna con risultati straordinari.

Abbiamo già sottolineato, ma lo ribadiamo fermamente, che i vini di Fabio Cenni a Chiusi sono troppo poco celebrati, ed andrebbe dedicata una maggiore attenzione da parte della stampa e degli operatori a questa straordinaria realtà toscana. E sì perchè il Poggio ai Chiari di Colle Santa Mustiola non ha molto da invidiare ai vini delle denominazioni blasonate della regione a base di Sangiovese. E se mai avessimo avuto dei dubbi, la verticale di questo straordinario vino ci ha confermato in maniera inequivocabile le nostre impressioni.

Ed allora mettevi comodi che vi raccontiamo le nostre sensazioni:

 

Poggio ai Chiari 1997: austero, con note speziate, di tabacco e di frutti rossi con finale di cuoio e pepe. Tannino di grande finezza e profndità. 94
Poggio ai Chiari 2002: note di  liquirizia e ricordi balsamici ed agrumati che anticipano un bellissimo finale di macchia mediterranea. Un grande Sangiovese a dispetto dell’annata.91
Poggio ai Chiari 2003: risente di un’annata difficile e presenta un tannino ruvido e toni  leggermente alcolici. 85
Poggio ai Chiari 2004: un piccolo capolavoro, con succosità, toni speziati e grande materia in evidenza, seguiti da un lungo finale di eucalipto e ricordi balsamici. 96
Poggio ai Chiari 2005: gioca le sue carte sulla freschezza e bevibilità, piuttosto che sulla struttura. Lascia sensazioni fruttate e speziate. 87
Poggio ai Chiari 2006: sapidità, eleganza e potenza, unite a succosità e persistenza per un quadro organolettico molto ricco, che si completa con splendido finale di macchia mediterranea. 95
Poggio ai Chiari 2007: La buona sapidità, la succosità e la grande lunghezza balsamica non riescono a far dimenticare una nota alcolica un pochino fuori dalle righe. 87
Poggio ai Chiari 2008: elegante con finale di liquirizia ed eucalipto. Inizialmente ritroso, manifesta in seguito complessità e grande carattere. 92
Poggio ai Chiari 2009: Succoso, speziato, ricco, dal sorso pieno, dinamico, progressivo e piacevolmente sapido, chiude con un piacevolissimo finale di macchia mediterranea. 96
Poggio ai Chiari 2010: austero e di grande profondità presenta succosità e toni speziati. Elegante e complesso, presenta nel finale una bellissima scia sapido-iodata. 95

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

PER INFORMAZIONI PUBBLICITARIE CONTATTARE LA REDAZIONE
To Top