Aziende

La Fattoria di Fibbiano a Roma

La Fattoria di Fibbiano ,  un azienda che ho potuto visitare lo scorso anno durante un viaggio in Toscana , ( http://www.vinodabere.it/fattoria-di-fibbiano-custode-del-vitigno-colombana-una-uva-buonissima-e-con-proprieta-curative-2 ) si è presentata nel Mese di Giugno 2016 al panorama vinicolo Romano con tutta la gamma dei suoi vini ,alla presenza di Matteo Cantoni che in questa occasione rappresenta la famiglia intera.

IMG_20151024_085011

terreni pieni di fossili

L’azienda si trova a Terricciola , tra Pisa e Volterra, ed si sviluppa su 75 ettari di cui 20 vitati, i terreni ricchi di fossili accolgono vitigni autoctoni che da svariati anni trovano dimora in queste terre, ed è cosi che Sangiovese, Canaiolo, Malvasia , Colorino e Colombana danno il meglio di se.

Un antico casale completamente ristrutturato del 1300 , accogliere ospiti che vengono a rigenerarsi in questo luogo cosi speciale, dove boschi , olivi e campi coltivati a grano fan si che la pace e la tranquillità sia avvertita quasi ovunque.

Della lavorazione in vigna si occupa Nicola , mentre Tiziana, la sorella e il papa Giuseppe si occupano della gestione della struttura ricettiva e dell’azienda.

IMG_20151024_084516

le vigne

La ricerca sui vitigni autoctoni ha permesso di portare avanti la tradizione vinicola toscana che ha le sue fondamenta su vigne di oltre 100 anni , il cui compito non è soltanto di generare ottimi vini ma di tramandare una cultura proveniente dal passato che non deve esser mai dimenticata.

Contemporaneamente l’utilizzo di nuovi macchinari di lavorazione in cantina permettono su gran parte dei vini una raccolta delle uve anticipata per poter conservare acidità e allo stesso tempo togliere i noccioli dei chicchi, che sono i principali artefici di un tannino spesso aggressivo su vini raccolti anticipatamente.

Si ottengono cosi quei vini eleganti e di facile beva che oggi il consumatore chiede con insistenza, mantenendo quella qualità che è elemento cardine dei loro vini.

Si hanno così :

IMG_20151023_195349_1-2B-25282-2529

La Fonte delle Donne 2014

La Fonte delle Donne 2014 – IGT Toscana –

un bianco ottenuto con uve Vermentino e Colombana in uguali proporzioni , 30.000 bottiglie prodotte ; al naso note agrumate, ananas e anice stellato, in bocca una bella nota acida che appare persistente e lascia un buon sapore di pompelmo rosa

13445393_10206785094248511_408671279262060995_n

i vini

Le Pianette 2014 – IGT Toscana –

un rosso fatto con 70% sangiovese e 30% colorino, 20.000 bottiglie prodotte

al naso frutta rosa e spezie, in bocca il vino appare di pronta beva, con un tannino semplice ma elegante, note di pepe e frutta rossa riempiono il palato

Casalini – Chianti Superiore DOCG –

80% sangiovese 20% ciliegiolo, 30.000 bottiglie prodotte

un buon chianti, con note di frutta rossa , lampone , ciliegia e mora , e un tannino rotondo che quasi non si percepisce e una buona persistenza

13445340_10206791468127854_4716309863590392533_n

Ceppatella 2011

Ceppatella 2011 – IGT Toscana –

100% sangiovese , 5000 bottiglie prodotte

un vino proveniente da viti centenarie con una resa di 50 q/ettaro , al naso note balsamiche e mentolate , frutta rossa , cuoio e nota animale, un vino complesso pur con un tannino elegante con una piacevolissima beva.

Daniele Moroni

 

 

 

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

PER INFORMAZIONI PUBBLICITARIE CONTATTARE LA REDAZIONE
To Top