Eventi

Irpinia nel calice. La timidezza e l’orgoglio di Pasquale Di Prisco al Ristorante Romeo di Roma

Non è facile che un vignaiolo timido e riservato come Pasquale Di Prisco, che fa parte dell’eccellenza della viticoltura irpina, si sposti dalla sua terra per andare a Roma, a parlare della sua azienda e dei suoi vini. Per l’occasione quindi bisognava scegliere un locale all’altezza, e così il ristorante Romeo della chef stellata Cristina Bowerman, ha provveduto ad ospitare la serata.

Pasquale arriva accompagnato  da sua moglie. Hanno lasciato per questa occasione  Fontanarosa (AV),  luogo dove vivono ed ha sede l’azienda,  per raccontare ad una platea di appassionati e giornalisti la loro storia e quel magnifico territorio che è l’Irpinia.

La timidezza pian piano lascia spazio all’orgoglio quando Pasquale inizia a parlare dei suoi vini, delle sue vigne e della sua cantina.

Un azienda dove tre generazioni hanno messo passione e fatica dapprima coltivando, nei 10 ettari che la compongono,  grano e cereali,  allevando bestiame  e curando le vigne presenti con  lo scopo di produrre  vino esclusivamente per il consumo locale, tanto da esser venduto rigorosamente sfuso.

Soltanto nel 1994   quando Pasquale Di Prisco  eredita dal padre l’azienda le cose cambiano. Lascia la coltivazione dei campi e l’allevamento del bestiame e si concentra sulla produzione di vino. Era da poco nata la DOCG Taurasi e le aziende locali avevano intuito il potenziale della viticoltura di questa zona,  puntando sulla quella qualità che avrebbe permesso loro di iniziare a far conoscere questo territorio in Italia e nel Mondo.

la cantina

Si comincia con il  produrre  Aglianico e Coda di Volpe, aggiungendo con il passar del tempo Fiano di Avellino e Greco di Tufo,  in un percorso ricco di emozioni e soddisfazioni che oggi  è giunto  alla ventiquattresima vendemmia.

Quest’anno la produzione si è assestata sulle 70 mila bottiglie, tantissime se rapportate alle prime vendemmie quando non si arrivava nemmeno a 10 mila , ma con un entusiasmo e una passione che è rimasta sempre la stessa. Solo la vinificazione ha subito dei piccoli accorgimenti anno dopo  anno, legati più agli  imprevisti che sono sorti nel tempo  che ad innovazioni tecnologiche .

Quando gli chiediamo della vendemmia 2017,  difficile ovunque in Italia, ci racconta che pur condizionata da gelate primaverili e caldo estivo, non è stata così male. Consapevole di aver ben lavorato sia in vigna che in cantina, è stato comunque favorito da  un territorio che si contraddistingue per un clima continentale e che ha registrato temperature meno alte di altre zone d’Italia, preservando le  uve dal caldo eccessivo, pur avendo dovuto anticipare la raccolta rispetto al passato.

Abbiamo ripercorso il passato ed il presente di questa azienda attraverso una sequenza di vini di grandissimo valore ed interesse della quale vogliamo darvi conto. Convincenti, come da programma, i piatti proposti dalla cucina di Cristina Bowerman.

Taurasi . Greco di Tufo – Fiano di Avellino

Irpinia Coda di Volpe 2016

È l’ultima annata in cui Pasquale ha comprato le uve da vignaioli selezionati. Dalla vendemmia 2017, infatti sono entrate in produzione le nuove viti aziendali. L’assaggio pone in evidenza struttura e carattere con note di mela renetta e fiori gialli , accompagnate da un piacevole finale agrumato. Una lieve trama tannica (dovuta ad una macerazione parziale) completa il quadro organolettico, fornendo un ulteriore sprint.

 

Variazione di Tuberi Autunnali

ravioli di ricotta broccoli e alici

 

 

 

 

 

 

 

 

Irpinia Fiano Vigna Rotole 2015

Note fumé si fondono a  sentori di frutta bianca (mela in particolare) ed anticipano acidità e sapidità conducendo ad un finale lungo e agrumato.

Greco di Tufo Pietra Rosa 2013

Ricordi di fiori bianchi si fondono a note di frutta gialla, lasciando al centro dell’assaggio mineralità e sapidità piacevolissime ed un lungo  finale  agrumato. Elegante, strutturato, un vino premiato nella edizione 2017 della Guida I Vini d’Italia de L’Espresso,  tra i 100 vini da bere subito (seconda posizione).

Greco di Tufo Pietra Rosa 2009

A volte capita con le annate meno recenti, di avere due bottiglie diverse dello stesso vino. In una le note di albicocca e nespola sorreggono ricchezza di beva ad evidenziare un maggior stato evolutivo mentre l’altra è tutta incentrata su  profumi di susina e mela mostrando  un vino che non ha perso lo smalto della gioventù.

 

tiramisu

Pulled Pork e patate a tre colori

 

Fiano d’Avellino 2010  

Un fuoriclasse che riesce a mettere in evidenza tutta la longevità del Fiano. La nota fumé si accompagna a sentori di frutta secca facendo da preludio ad una vibrante freschezza e ad un finale  intrigante di camino spento. Un assaggio emozionante.

Taurasi . Greco di Tufo

Taurasi 2012

Vino intenso e inebriante nei profumi, con un finale piacevolissimo di arancia sanguinella e spezie. Fresco ed avvolgente, presenta un tannino di grande finezza ed eleganza. Risulta in quinta posizione della classifica dei migliori Taurasi per la Guida I Vini de L’Espresso 2018.

Taurasi 2006

In questa annata si sono usate barrique e botti grandi in uguale percentuale per l’affinamento. Piacevoli note balsamiche e speziate ci introducono ad una beva tutta incentrata sull’acidità,  con un finale agrumato di grande piacevolezza.

Taurasi 2001

Un vero e proprio capolavoro. Pasquale di Prisco ci mette a disposizione alcune delle ultime bottiglie riamaste in cantina del vino che lo ha fatto conoscere in tutta Italia, un concentrato di emozioni con note balsamiche che si unisco a ricordi di cioccolato, spezie, frutta rossa e macchia mediterranea. Progressione e dinamicità nel sorso e un lungo finale di arancia sanguinella completano il già ricco quadro organolettico.

Daniele Moroni

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

PER INFORMAZIONI PUBBLICITARIE CONTATTARE LA REDAZIONE
To Top