Aziende

Il “PIACERE ETRUSCO ” incontra il’ ristorante ” ANTICO ARCO “

Metti insieme uno storico territorio laziale e un ottimo ristorante romano, il risultato sarà una cena fantastica che rimarrà nella memoria dei presenti per tanto tempo.
il Lazio e in particolare una zona di questa regione sta seguendo quella strada ormai intrapresa dalle aziende enogastronomiche che hanno deciso di fare fronte comune per rivalutare non solo se stesse ma anche il territorio ove sono ubicate  al Veneto, all’Abruzzo, alle Marche, all’Umbria, la Toscana e tanti altri si è aggiunto il Lazio.
Cosi la Tuscia , il territorio più a Nord del Lazio, sito tra Viterbo, Bolsena, Montalto di Castro, da alcuni anni ha deciso di proporsi all’Italia , appoggiata dalla Camera di Commercio di Viterbo, continua a promuovere il territorio, i vini i prodotti, le aziende a tutti coloro che sono affamati di tradizione.
Per Far questo utilizza il simbolo principe di queste zona quella civiltà scomparsa da tanti e tanti anni che ha fatto crescere, nel lontano passato, la cultura in questi territori : gli ETRUSCHI
Pur essendo ormai scomparsi da tanto tempo sono rimasti il simbolo di un territorio per evidenziare le loro caratteristiche e facendole conoscere il più lontano possibile.

 

etrusco2

da sinistra chef e proprietario dell’Antico Arco -Carlo Zucchetti

 

Proprio per questo coadiuvati da un preparato giornalista enogastronomico, Carlo Zucchetti, hanno deciso da diversi anni di promuovere prodotti e aziende.
Mi sono ritrovato in un ristorante , Antico Arco, in cima al Gianicolo, luogo conosciutissimo ai romani, per la splendida vista su Roma e per il famoso sparo del cannone alla Domenica, ad assaggiare i prodotti di queste terre, dall’olio E.V.O ., al fagiano,  al pollo, al maialino, alle patate, al miele alla nocciola tonda gentile romana D.O.P.  e da ultimo alvino .

 

etrusco3

tortelli ripieni di fagiano, more e julienne di verza

 

 

 

etrusco4

Maialino arrostito con miele e tarte tartin salata di mele

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Tutti questi ingredienti sono utilizzati  sapientemente  dal cuoco dell’Antico Arco, Fundim Gjepali , che ha saputo esaltare al massimo le caratteristiche di ogni singolo prodotto creando un menù che esaltando le caratteristiche di queste fantastiche carni ben si integrava con i vini presenti dove Sergio Mottura con il suo Grechetto Poggio della Costa 2014 , diveniva l’apripista di questa serata , con un equilibrio e profumi che permettono di comprendere sempre più il suo successo nel Mondo.

 

etrusco5

Podere Orto – Sergio Mottura – Paolo e Noemia d’Amico

 

Ma anche gli altri vini, il  Trivium I.G.T. 2014 dell’azienda Podere Orto , un blend, 90% Sangiovese e 10% Ciliegiolo, con un eleganza e beva che spingono a finire la bottiglia, e il Notturno dei Calanchi 2012 , un pinot nero in purezza che trova vita nella Tuscia grazie alla scommessa di Paolo e Noemia d’Amico  che hanno sfidato le tradizioni e preconcetti per creare un vino particolarissimo con profumi speziati e frutta rossa matura, e una beva facile ma intrigante allo stesso tempo.
Un connubio eseguito da noi  ” poveri ” degustatori, che ha entusiasmato i nostri palati, è stato l‘olio E.V.O. di olive canino, tipiche della Tuscia, con il patè di fagiano, i due sapori si completavano e si esaltavano a vicenda.
Nella nostra bocca, l’acidità e il piccante dell’olio andavano ad esaltare i sapori del fagiano pur non perdendo la loro identità un momento da non dimenticare.
Devo ammettere che la Tuscia non ha nulla a che invidiare al resto d’Italia , l’unica sua pecca è di essere ancora poco conosciuta, per questo vi invito ad andare , a scoprire un territorio che nulla deve invidiare ad ogni altra zona della nostra penisola, ma sopratutto a scoprire un calore umano che pochi possono infondere a chi vi si avvicina.
Daniele Moroni

Aziende degustate

Vini
– Sergio Mottura
– Podere Orto
– Paolo e Noemia d’Amico

Pollo
-San Bartolomeo

Fagiano
– Incanti Tuscan Flavors

Maialino
-Coccia Sesto

Patate
– Perle della Tuscia

Nocciole
– Coopernocciole

Miele
– Apifarm

Olio E.V.O.
– Tamia

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

PER INFORMAZIONI PUBBLICITARIE CONTATTARE LA REDAZIONE
To Top