Champagne

Catwalk Champagne al Merano Wine Festival 2018

Si avvicinano le feste e noi di Vinodabere abbiamo avuto la possibilità di assaggiare per voi un discreto numero di Champagne al Catwalk Champagne durante il Merano Wine Festival 2018, che ci hanno fornito una seppur minima idea di quale sia l’attuale panorama di queste meravigliose bollicine d’oltralpe.

Per questo si è deciso di fornire una piccola selezione con l’idea di dare una qualche indicazione al consumatore incerto.

G.H.Mumm - Brut Cordon Rouge

G.H.Mumm – Brut Cordon Rouge

Iniziamo con uno Champagne molto conosciuto ma spesso non troppo considerato, 1° in Francia per vendita e 3° nel Mondo, reperibile  ovunque , compresa la GDO, ad un prezzo qualità/prezzo molto interessante di € 23,00.

Parliamo dello Champagne  G.H.Mumm – Brut Cordon Rouge (45% Pinot Noir – 30% Chardonnay – 25% Pinot Meunier). Ci si mostra di facile beva, con note di crema pasticcera e frolla che accompagnano una bolla molto gradevole.

Champagne Chouilly Grand Cru - blanc de blanc

Champagne Chouilly Grand Cru – Blanc de Blanc

Continuiamo il nostro percorso con lo Champagne Chouilly Grand Cru -Blanc de Blanc di A.R. Lenoble 

Da un vigneto che si estende su una superficie di 18 ettari, con un’età media di 18 anni ubicato a  Chouilly, uno dei sei villaggi Grand Cru della Côte des Blancs.  Armand-Raphael Graser ne ha iniziato nel 1920 la commercializzazione. Parliamo di una delle poche Maison indipendenti rimaste in Champagne, che ha sacrificato i volumi alla qualità ottenendo, in questo caso, uno Champagne dove note gessose e rocciose sono da subito evidenti. Lo completa una bollicina fine accompagnata da ricchezza e freschezza.

 

Bergére Prestige 2009

Bergére Prestige 2009

Champagne Bergére Prestige 2009 (10% Pinot Noir – 50% Chardonnay – 40% Pinot Meunier)

Note gessose e di pasticceria fresca anticipano un perlage elegante e ricco e un finale lunghissimo di agrume.

G.H. Martel & C° Victoire - brut rosé - Vieilli  en Fut de Chene 2008

da sinistra: brut rosé – Vieilli  en Fut de Chene 2008

Champagne Victoire – brut rosé (50% Pinot Noir – 20% Chardonnay – 15% Pinot Meunier – 15% Coteaux Champenois Rouge)

Un rosé vecchio stile con l’aggiunta di vino rosso. Sentori di frutti di bosco e crosta di pane ci introducono a una beva ricca,  elegante e sapida, con un finale lunghissimo. Un rosé di altri tempi.

Champagne Victoire – Vieilli  en Fut de Chene 2008 (50% Pinot Noir -15% Pinot Meunier –  50% Chardonnay)

Un anno di affinamento in legno conferisce a questo Champagne una marcia in più. Pasticceria, miele, crosta di pane e  gesso ci inebriano i sensi per poi passare a  ricchezza e sapidità. Finale lunghissimo.

 

Cuvée rosé Premier Cru

Cuvée rosé Premier Cru -Cuvee de Hussards Vieilles Vignes Premier Cru

Champagne Frerejean Freres Cuvee de Hussards Vieilles Vignes Premier Cru (15% Pinot Noir – 85% Chardonnay)

Riposa 12 anni sui lieviti prima di essere messo in commercio. Note gessose e minerali ci inebriano non appena si avvicina il bicchiere al naso, elegante, ricco, di facile beva, con un finale che accarezza il palato per diverso tempo.

Frerejean Freres Cuvée rosé Premier Cru (28% Pinot Noir – 60% Chardonnay- 12% Pinot Meunier – vino rosso)

Lo stile è simile allo Champagne precedente, e l’aggiunta di vino non ne pregiudica la freschezza, anzi ne amplifica la godibilità.

Champagne Encry Gran Cuvèe brut.

Champagne Encry Gran Cuvèe Brut.

Champagne Encry Gran Cuvèe Brut (100% Chardonnay)

Sempre sugli scudi Enrico Balladin , con uno Champagne che non tradisce mai. Note gessose si accompagnano a sentori di pasta lievita e crosta di pane. Champagne dove ricchezza e freschezza la fanno da padrone con un finale  molto interessante e profondo.

Champagne Nicolas  Feuillatte Blanc de Blanc 2010.

Champagne Nicolas  Feuillatte Blanc de Blanc 2010.

Champagne Nicolas  Feuillatte Blanc de Blanc 2010 (100% Chardonnay )
Note di gesso e di crema pasticcera, poi  piacevolezza unita a ricchezza per chiudere con un finale di pasticceria molto lungo.
Champagne Lanson brut organic wine.

Champagne Lanson brut organic wine.

Champagne Lanson Brut organic wine. (53% Pinot Noir – 47% Chardonnay)
Quando chi si converge al biologico sa fare vino non può che ottenere un ottimo prodotto. In questo caso la tesi esposta trova corrispondenza nella realtà. Note gessose e minerali anticipano una beva dinamica e ricca, finale di grande eleganza su note intriganti di lime.
Champagne Bruno Paillard 72 cuvèe

Champagne Bruno Paillard 72 cuvèe

Champagne Bruno Paillard 72 cuvèe (45% Pinot Noir – 33% Chardonnay – 22% Pinot Meunier)
Come evidenziato dall’etichetta questo Champagne rimane 36  mesi sui lieviti+ 36 mesi dopo la sboccatura.  Si presenta affascinante non appena avviciniamo il bicchiere al naso dove note di lime, miele, gesso e crosta di pane ci infondono grande interesse. All’assaggio risulta avvolgente, ricco e di grande freschezza per chiudere con un finale interminabile di vaniglia.

 

 

 

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

PER INFORMAZIONI PUBBLICITARIE CONTATTARE LA REDAZIONE
To Top