Aziende

Azienda Torrevento, il Nero di Troia al Taormina gourmet.

L’Uva di Troia è un vitigno che da un paio d’anni a questa parte sta venendo preso in considerazione tenuto conto del fatto che non ha avuto una sfida facile con i più blasonati Primitivo e Nergamaro, visto che si tratta di un vitigno autoctono pugliese. Ma proprio per la sua maggiore duttilità e polivalenza per i vini che riesce a dare, sta entrando in auge ed è in continua crescita.

Al Taormina gourmet è stata fatta una verticale con l’Azienda pugliese Torrevento, svoltasi all’Hotel Diodoro Siculo in Taormina, nella quale sono stati fatti assaggiare il Vigna Pedale Castel del Monte e l’Ottagono Nero di Troia Castel del Monte.

L’Azienda Torrevento è stata una fra le prime a credere fermamente nell’Uva di Troia da poter vinificare in purezza al fine di ottenere un vino come il Nero di Troia. La superficie vitata della ditta Torrevento è di Ha 547, di cui ben Ha 90 sono destinati per la coltivazione dell’Uva di Troia (quasi il 20% della superficie vitata). I vigneti si trovano nell’Alta Murgia per l’appunto in località Torrevento, ad una quota di m. 540 s.l.m.. Lodevoli sono le scelte adottate dai proprietari (i fratelli Liantonio) in merito alla Qualità Aziendale (ISO 9001) e soprattutto per la Qualità Ambientale (ISO 14001), infatti l’azienda è dotata di impianto fotovoltaico per avere energia “pulita”. Tra le altre cose l’Azienda Vitivinicola Torrevento si trova nel Parco della Murgia, che garantisce la protezione del territorio e fra produtturi vitivinicoli ed il Parco vi è una buuona convivenza al fine delle pratiche burocratiche nonchè della salvaguardia dei luoghi. I terreni in cui sono state piantate le vigne sono calcarei ed il clima ha notevoli escursioni termiche. La coltivazione è ad alberello, il che significa basse rese.

le vigne

Richiamando quanto detto prima del fatto che Torrevento sia stata una fra le prime aziende a credere nel Nero di Troia, si capisce dalla data che ha iniziato ad imbottigliare Nero di Troia, il 1992 e dopo 24 anni una cosa che agli inizi sembrava un azzardo, inizia a prendere forma ed a conquistare fette di mercato sempre più importanti, grazie all’aver apprezzato un vino austero ma signorile, elegante ma duttile.

Se a tutto questo vogliamo aggiungere che l’Azienda Torrevento si trova nelle immediate vicinanze dell’imponente e suggestivo maniero federiciano <<CASTEL DEL MONTE>>, è difficile avere di più.

Vigna Pedale Castel del Monte 1997 – 100% Uva di Troia

Rosso porpora quasi impenetrabile. Note chinate, spezie dolci, rabarbaro, gomma arabica. Bella freschezza, i tannini si sentono, ma in maniera gentile. Grande progressione e bella persistenza. Ha fatto fermentazione ed affinamento in vasche di cemento.

Vigna Pedale Castel del Monte Riserva 2003 – 100% Uva di Troia

Ha un rosso rubino cupo. A naso è molto complesso con sentori di humus, funghi, vaniglia, spezie e frutta a bacca rossa. L’alcol controbilancia tannini ed acidità. Progressione giusta e buona persistenza. La retronasale fa sentire il passaggio in botte.

Vigna Pedale Castel del Monte Riserva 2009 – 100% Uva di Troia

Nel calice si presenta con un rosso granato intenso. Legno, china, humus e resina, alle quali seguono note di frutta surmatura. La freschezza c’è e si sente, tannini ed alcol vengono fuori dopo. Ottima progressione e bella persistenza. Tramite retrolfattiva si sente il passaggio in legno.

Vigna Pedale Castel del Monte Riserva 2012 – 100% Uva di Troia

Rosso scuro nel calice. A naso si sentono caramella mou e canditi, nota caramellata, prugna. Buon bilanciamento fra alcol – tannini – acidità. Bella persistenza e buona progressione. Mediante le retronasale si sente lieve l’affinamento in botte.

Ottagono Nero di Troia Castel del Monte 2013 – 100% Nero di Troia

Rosso porpora intenso ed impenetrabile. Nota di eucalipto e caramellata, con un finale di zenzero e curcuma. I tannini si fanno sentire con una componente alcolica e di freschezza che accompagna il tutto. Bella progressione. La gioventù del vino ha la predominanza sul legno.

Fabio Cristaldi

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

PER INFORMAZIONI PUBBLICITARIE CONTATTARE LA REDAZIONE
To Top